La calligrafia cinese ha conservato ed utilizza ancor oggi con grande frequenza tutte le forme di scrittura evolutesi in quattromila anni di storia.
I calligrafi professionisti le studiano tutte, per quanto l’adozione dell’una o dell’altra quale forma preferenziale d’espressione sia un fatto assolutamente individuale.
甲骨文 jiaguwen
scritture su ossa e carapaci di tartaruga
  • I primi testi in lingua cinese furono rinvenuti su ossa di bovini e carapaci di tartarughe risalenti al XV sec. a.C. I re sciamani delle prime dinastie leggevano il responso dei loro avi nelle fenditure prodotte dal fuoco sulle ossa degli animali a loro sacrificati.
    A partire da un certo momento domande e risposte furono incise sulle ossa stesse, andando così a costituire il primo archivio scritto della storia cinese.
calligrafia_5
ricostruzione di un carapace di tartaruga inciso con caratteri oracolari
金文 jinwen
scritture su bronzi rituali
  • La società feudale cinese (XI-III sec. a.C.) aveva nel banchetti rituali di corte uno dei momenti più sociali importanti. Pietanze, acqua e liquori erano serviti in spettacolari recipienti in bronzo, carichi di significati simbolici. Questi recipienti recavano spesso anche dediche incise in una calligrafia già pienamente matura e molto più elaborata di quelle delle ossa oracolari.
calligrafia_6
scrittura incisa su bronzo rituale d’epoca Zhou
scritture magiche e ornamentali
  • Sono scritture rare fino ad oggi solo parzialmente decifrate. Erano usate in ambiti specifici e con particolari significati magici e augurali. Famose sono quelle sulle spade del re Gou Jian del regno di Wu. Qui accanto il carattere “lunga vita” scritto nello “stile degli uccelli” (鳥文 niaowen) copia di un talismano risalente alla prima dinastia imperiale Qin.
calligrafia_7
大篆 dazhuan
grande zhuan
  • E’ il nome della scrittura cinese prima dell’unificazione. In epoca feudale (XI-III sec. a.C.) i regni possedevano proprie scritture spesso piuttosto simili ma non certo uguali. Anche a causa di tali differenze molti testi arcaici continuano a restare indecifrati. La ricchezza delle forme di questa forma di scrittura è stata riscoperta dai calligrafi moderni ed è fonte di continua ispirazione ed innovazione.
calligrafia_8
il grande zhuan dei “tamburi di pietra” (374 a.C.)
小篆 xiaozhuan
piccolo zhuan
  • E’ la prima scrittura standard dell’intera Cina, voluta dall’imperatore Qin Shihuang 秦始皇 che unificò il paese nel 221 a.C. mettendo fine al sistema feudale. Una rivoluzione con conseguenze straordinarie sulla civiltà cinese ed orientale. A questo periodo risale anche il nome del primo calligrafo della storia, si tratta di Li Si 李斯 (?-208 a.C.), spietato Primo Ministro dell’impero Qin.
calligrafia_9
calligrafia del Primo Ministro Li Si da una stele del Taishan, 219 a.C.
隸書 lishu
scrittura degli scribi
  • Nata sotto il primo impero, segna una profonda trasformazione tecnica rispetto le forme arcaiche: l’introduzione di un uso differenziato del pennello con varie modalità d’ingresso ed uscita, una modulazione differenziata del tratto e la comparsa di tratti differenti (verticali, orizzontali, gocce, discendenti, schiacciati in basso, uncini, spezzati).
calligrafia_10
Cai Yong (133-192)
草書 caoshu
scrittura abbozzata (o “delle erbe”)
  • Evolutasi da quella degli scribi, ma forse già dal zhuan, come forma veloce ed informale, presenta grande semplificazione e collegamento tra i tratti che si mostrano prevalentemente morbidi e curvi ma alle volte anche spigolosi e taglianti. La grande libertà espressiva e compositiva di questa forma ne ha fatto una delle preferite dai calligrafi orientali di tutti i tempi.
calligrafia_11
le “erbe pazze” di Zhu Yunming (1464-1526), epoca Ming
楷書 kaishu
scrittura standard
  • Nata come evoluzione della “scrittura degli scribi”, mostra tratti netti ed incisivi, rapidi, definiti, taglienti, precisi e regolari. I caratteri sono allungati, eleganti, snelli e perfettamente bilanciati. Diviene la forma di scrittura ufficiale di ogni documento e lo è ancora oggi.
calligrafia_12
lo stile standard di Liu Gongquan 劉公權 (778-865)
行書 xingshu
scrittura corsiva
  • Evolutosi dalla standard quale forma più veloce ma contemporaneamente più leggibile della “abbozzata”, presenta una vasta gamma di variabili che la portano dalla semplice legatura di alcuni tratti (xingkai 行楷) sino ai confini della scrittura delle erbe (xingcao 行草). Il ritmo è quindi variabile e suggerisce velocità e scioltezza pur conservando eleganza ed ordine. Anche questa è una forma grandemente apprezzata ed utilizzata da tutti i calligrafi in ogni epoca.
calligrafia_13
il corsivo di Kang Youwei (1858-1927) poeta, calligrafo, pensatore e riformista durante l’ultima dinastia