Col termine “arti marziali” si indica una famiglia di discipline estremorientali originariamente finalizzate al combattimento, a mani nude e con armi.

Molte di queste hanno abbandonato nel dopoguerra il fine combattivo per divenire sport o esercizi ginnici. In altri casi invece hanno operato una sintesi tra le due vie, oppure si sono trasformate in forme di combattimento sportivo.

artimarziali1
monastero di Shaolin, Dengfeng, Henan. Murale della “sala dell’abito bianco” monaci si affrontano in combattimento
Vi è chi preferisce definire “sport da combattimento” quelle discipline che prevedono uno scontro a contatto pieno con un avversario, come boxe, lotta, kick-boxing, boxe tailandese, sanda, e “arti marziali” invece quelle che non necessariamente prevedono un confronto agonistico a contatto pieno. In verità è impossibile tracciare un confine netto tra sport, combattimento e arte marziale. artimarziali3
atleta cinese di sanda in proiezione
Il maggior veicolo di diffusione delle arti marziali in Occidente è stato il cinema d’azione di Hong Kong degli anni ’60-‘70. Bruce Lee (1940-1973), il più noto volto cinese dell’epoca, ha incantato col suo kungfu generazioni di ragazzi e riempito le palestre di mezzo mondo. artimarziali4
Bruce Lee e Chuck Norris nel celeberrimo “L’urlo di Chen terrorizza l’Occidente”