Il penjing 盆景 (paesaggio in vaso) è forse uno dei massimi esempi del legame tra letterato cinese e natura.

Il penjing può essere un paesaggio di rocce, piante ed erbe (shanshui penjing 山水盆景) oppure una composizione di alberi e rocce, di soli alberi o anche un solo albero (shumu penjing 树木盆景).

penjing_1
paesaggio di rocce e alberi
La più antica raffigurazione di penjing fu scoperta nel 1971 a Qianxian, nella provincia di Shaanxi. Nella tomba del principe Li Xian 李賢, figlio del primo imperatore Tang, un affresco mostra degli inservienti portare in dono paesaggi in vaso. penjing_2
Qianxian, provincia di Shaanxi, tomba del principe Li Xian (654-684)
La sensibilità che determinò la nascita e l’affermazione della pittura di paesaggio (lett. “monti e acque” - shanshui 山水) nel panorama artistico cinese, fu probabilmente la stessa che sospinse l’evoluzione delle coltivazioni in vaso.
Il famoso pittore Zong Bing 宗炳 (420-589) affermava:
penjing_3
Huang Weiguang, composizione a tre alberi
“Una natura rigogliosa può essere contenuta nello spazio di un pollice; pochi centimetri di segni verticali possono rappresentare altezze di centinaia di metri, alcuni decimetri di inchiostro in orizzontale, incarnare centinaia di miglia”. (Zong Bing, “Introduzione alla pittura di paesaggio” 画山水序).

 

La prima menzione della parola penzai 盆栽 (lett. “coltivazione in vaso”, da cui la pronuncia giapponese bonsai) è non a caso attribuita al grande poeta Tao Yuanming 陶淵明 (365-427), una chiara evidenza dell’antico legame tra quest’arte e il mondo dei letterati.

Tra le epoche Song (960-1280) e Yuan (1280-1368), al pari di molte altre arti dei letterati, anche il penjing pose solide radici in Corea e in Giappone, incontrando il favore delle corti aristocratiche.

penjing_4
Saigyo monogatari emaki
La più antica raffigurazione giapponese è contenuta nel Saigyo Monogatari Emaki 西行語物繪卷 “Biografia illustrata del monaco Saigyo”, del XIII secolo.

Nel paese del Sol Levante il bonsai divenne un fenomeno di straordinaria rilevanza e fu proprio attraverso l’opera e l’impegno dei maestri giapponesi che iniziò a diffondersi anche in Occidente.

penjing_5
Edoardo Rossi, abete educato nello stile bunjin (primavera 2007) www.edoardorossibonsai.it
Per saperne di più

Edoardo Rossi
www.edoardorossibonsai.it

Nippon Bonsai Sakka Kyookai Europe
www.sakkakyookai-e.com

Associazione Euganea del Bonsai
www.euganeabonsai.org

penjing_6
Edoardo Rossi, allestimento di tokonoma: bonsai (pino bianco), dipinto, erba di compagnia (inverno 2007) www.edoardorossibonsai.it